Robe da chiodi

Don Gnocchi, che bellezza

one comment

4043420586_229ff511a0_b

Mi ha commosso ieri vedere la facciata bianca del Duomo di Milano, con i suoi ricami di marmo che si ritagliavano nell’azzurro di un cielo limpido come erano limpide le intenzioni di questa giornata. Nel mezzo della facciata campeggiava l’immagine di don Gnocchi, per la sua beatificazione. Un’immagine, leggera, sorridente, molto umana, con il volto rivolto verso il popolo che stava là sotto, e quelle pennellate di blu che facevano eco al cielo. Mi è piaciuta, oltre che per ragioni sentimentali (per quel che mi riguarda don Gnocchi è la quintessenza dell’essere milanesi) anche perché immagine aggiornata, spigliata, risintonizzata con i tempi. C’è un che di terso in questo insieme, qualcosa che dà la sensazione di una purezza vissuta, praticabile, semplice ma insieme affascinante. È la “buona vita” che genera inaspettata bellezza. Viva don Carlo!

(l’immagine di don Gnocchi è merito di un pubblicitario milanese Maurilio Brini di Tribe Communication)

Written by giuseppefrangi

26 Ottobre, 2009 at 7:58 pm

Posted in pensieri

Tagged with , ,

One Response to 'Don Gnocchi, che bellezza'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Don Gnocchi, che bellezza'.

  1. È la “buona vita” che genera inaspettata bellezza (cit) Condivido pienamente: una frase bellissima… la bellezza non è mai un fatto esclusivo e personale, né è disgiunta dalla vita.

    perseoc

    26 Ott 09 at 9:17 pm

Leave a Reply