Robe da chiodi

Lotto: non si possono più fare mostre così

4 comments

Ho visto la mostra di Lotto alle Scuderie del Quirinale. Non ho titoli per parlare dell’approccio scientifico, non ho ancora letto il catalogo, ma uscito dalle sale mi è parsa chiara una cosa: non si possono più fare mostre così.  C’è una ritualità stanca nel metter in fila una serie di quadri anche stupendi senza che appaia chiaro la novità a livello di approccio, di scoperte, di interpretazione che sono emerse nel lavoro di costruzione della mostra. Una ritualità che certamente non rende giustizia del lavoro critico fatto per preparare la mostra. Di Lotto avevamo visto una mostra tra 1997 (Bergamo) e 1999 (Parigi). Quindi neanche 15 anni fa. Non c’era quindi un vuoto temporale tale da determinare la necessità di una nuova mostra. Ma a parte questo, oggi credo che si debba mettere a punto un’idea diversa di fare mostre come queste. Vanno costruite per nodi, in modo da offrire opportunità più interessanti agli studiosi e di portare i visitatori a una comprensione meno epidermica ed istintuale. Su Lotto i nodi che potevano essere indagati certo non mancano: ad esempio mi sarebbe piaciuto vedere afforntato con confronti quello cruciale del rapporto con la pittura nordica che fa sentire il suo vento a Venezia; oppure quello con la pittura del Centro Italia verso cui Lotto dirotta presto il suo destino; o quello con Bellini, padre di tutti e anche di Lotto, e quello con Cima; la concezione nuova del ritratto…

Detto questo, aggiungo che l’allestimento della mostra romana mi ha lasciato perplesso. Discutibile il color ocra delle pareti (che ad esempio danneggia il viola folle dell’angelo di Ponteranica, in mosgtra senza cornice); alcuni snodi al primo piano davvero troppo affollati di opere; solita confusione cronologica per via di una sede che al piano superiore non può accogliere opere grandi; alcune cadute di cattivo gusto (quell’altare un po’ sarcofago sotto alcune pale).

Mi spiace per l’amato Lotto, pittore sfortunato in vita e sfortunato anche oggi. La sua anomalia affascinante resta un po’ nell’ombra o relegata ad aneddotica: lui che aveva un piede sui terreni saldi della fede popolare e l’altro sulle sabbie mobili del manierismo…

Su Osservatorio Mostre e musei una recensione della mostra con foto che vi danno l’idea dell’allestimento. Titolo: Nihil sub sole novi…

Written by gfrangi

Marzo 28th, 2011 at 8:22 am

Posted in Uncategorized

Tagged with ,

4 Responses to 'Lotto: non si possono più fare mostre così'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Lotto: non si possono più fare mostre così'.

  1. Condivido. Allestimento caotico, didascalie bolse e vuote. Penso tuttavia che il valore di una mostra di questo genere (e di tutte le mostre figlie dello stesso approccio – v.Cima da Conegliano) consista essenzialmente nell’offerta visiva, sotto due aspetti: dare la possibilità di vedere opere importanti di musei esteri o di località italiane decentrate; consentire osservazioni ravvicinate ed in condizioni di luce artificiali/ciose, ma favorevoli.
    Come evento, è certamente una mostra di non-poesia.

    Davide

    28 Mar 11 at 9:23 am

  2. Semplicemente troppo intellettuale per andare di moda…!

    Julius

    29 Mar 11 at 2:56 pm

  3. Lotto sfruttato, deturpato, violentato, violato… ah, quanto sono rassegnato!
    @gfrangi: e una critichina su quella ‘meraviglia’ patavina che fu la mostra giorgionesca? (Senza dimenticare il catalogo: vero manuale delle “immondi sorti e degenerative”)

    Compliementi.

    Un saluto

    M.Clem

    M.Clem

    19 Apr 11 at 4:56 pm

  4. Ody

    18 Mag 11 at 4:48 pm

Leave a Reply