Robe da chiodi

Mies Van der Rohe: persistere nell'umiltà

2 comments

Questo pensiero di Mies Van der Rohe l’ho trovato sull’ultimo numero di Casabella. Mi sembra ovviamente bellissimo. Riflessione a margine: gli architetti sono quelli che hanno sviluppato più pensiero nel secolo passato. Pensiero sano, intendo. Pensiero che fa i conti con la vita, i suoi bisogni, le sue attese. Queste di Mies ne sono una ennesima conferma (in quale altra arte nel secolo scorso è stata presa in considerazione la categoria dell’umiltà?)

La costruzione non definisce soltanto la forma, ma è la forma stessa. Dove la vera costruzione prova un contenuto autentico, là sorgono anche opere vere; opere vere e corrispondenti alla loro essenza. E queste sono necessarie. Esse sono necessarie in se stesse e in quanto parti di un ordine genuino. Si può ordinare soltanto ciò che è già in sé ordinato. L’ordine è qualcosa di più dell’organizzazione. L’organizzazione è la determinazione della funzione. L’ordine invece è attribuzione di significato. Se noi attribuissimo a ogni cosa ciò che essenzialmente le spetta, allora le cose rientrerebbero, quasi da sé, nell’ordine loro corrispondente e solo qui sarebbero pienamente ciò che esse sono. (…) Questo presuppone di abbandonare l’orginalità e di realizzare ciò che è necessario. (…) In altre parole: servire invece di dominare. Solo chi ha provato quanto sia difficile fare correttamente persino le cose semplici, sa riconoscere il peso di questo compito. Ciò significa persistere nell’umiltà, rinunciare all’effetto e compiere fedelmente il necessario e il giusto.

[Appunti per una conferenza, 1950 (?) da Mies Van der Rohe, Le architetture gli scritti, Skira 1996 pag. 313]

Written by giuseppefrangi

22 Dicembre, 2009 at 11:01 pm

Posted in architettura

Tagged with

2 Responses to 'Mies Van der Rohe: persistere nell'umiltà'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Mies Van der Rohe: persistere nell'umiltà'.

  1. Bello, Giuseppe!!! il nesso ordine/significato è geniale.
    PS Crivelli a Brera, da vedere!

    Cristina

    26 Dic 09 at 5:44 pm

  2. Sono d’accordo su Crivelli. L’ho visto velocemente domenica scorsa mi è sembrato folgorante. Torno senz’altro

    giuseppefrangi

    27 Dic 09 at 9:55 am

Leave a Reply